Cerca nel blog

venerdì 23 dicembre 2016

Corte costituzionale: i vincoli di bilancio non possono comprimere diritti fondamentali

L'art. 81 Cost. ridimensionato dalla Corte?
La sentenza della Corte costituzionale n. 275 del 16.12.2016 afferma la prevalenza dell'effettività dei diritti sul vincolo dell'equilibrio di bilancio (il giudizio era sul limite di bilancio messo da legge della regione Abruzzo ai contributi al trasporto studenti disabili).

La decisione recupera, fra l'altro, un principio affermato prima di Lisbona, prima di Maastritch, prima del nuovo art. 81: "non si può ipotizzare che la legge di approvazione del bilancio o qualsiasi altra legge incidente sulla stessa costituiscano una zona franca sfuggente a qualsiasi sindacato del giudice di costituzionalità, dal momento che non vi può essere alcun valore costituzionale la cui attuazione possa essere ritenuta esente dalla inviolabile garanzia rappresentata dal giudizio di legittimità costituzionale" (sent. 260/1990). 

Si dà così nuovo vigore al principio di inviolabilità dei diritti fondamentali (nel caso: diritto alla formazione dei disabili, art. 38 III comma): "È la garanzia dei diritti incomprimibili ad incidere sul bilancio, e non l’equilibrio di questo a condizionarne la doverosa erogazione" (sent. 275/2016).