Cerca nel blog

mercoledì 4 gennaio 2017

Populismo vs. censura

Grillo è un irresponsabile, ogni volta che parla di democrazia e informazione scompare un libro di storia, o semplicemente un dizionario. E contro trombonate simili non c'è difesa, raccolgono inevitabilmente un po' di consenso.
Certo che sui giornali o in televisione non ci sono solo notizie "vere"! Vere vuol dire attendibili e verificate, la verità si cerca, non si possiede, ma le bufale, spesso innocue (perché su boiate, cui di solito Grillo crede), e la disinformazione pesante (quella dei governi, dei guerrafondai, dei dittatori) corrono sui giornali come sul web, anche se per ragioni in parte diverse, e la contrapposizione di Grillo che attacca i giornali contro Pitruzzella che è preoccupato dal web è fuorviante, parlano di mondi permeabili, che si influenzano a vicenda, anche se hanno debolezze peculiari. Però criticare Grillo, il web e i giornali non basta. Anzi: farlo da qui credo che contribuisca a dar fiato a uno dei massimi strumenti di disinformazione e di destrutturazione del sistema.
Sì, di quel sistema, incerto e fallibile, ma sperimentato, che è appunto democrazia e informazione, e informazione in un contesto democratico, che è fatto di elementi incerti, costosi e che richiedono tempo e sostegno da parte di tutti noi: formazione scolastica e professionale, pluralismo delle testate giornalistiche, autorevolezza condivisa delle fonti; e web libero, ma controllato da utenti preparati, con alle spalle una formazione scolastica di base che impedisca scivoloni, consenta una diffusa comprensione e un controllo diffuso di qualità; e, solo in casi estremi, dove pluralismo e confutabilità di tutto da parte di tutti non basta, un controllo affidato alla magistratura. Che, almeno nel nostro sistema, non è né estratta a sorte né eletta dal popolo, ma è selezionata attraverso un percorso di studi e di concorsi e di controllo discplinare in base a leggi condivise.

v. la polemica su Pitruzzella e Grillo in una sintesi del Post:
http://www.ilpost.it/2017/01/04/grillo-m5s-giornali-giuria-popolare/